Filippo Ongaro

Il Dr. Filippo Ongaro ha vissuto per molti anni all’estero dove ha lavorato come medico degli astronauti presso l’Agenzia Spaziale Europea (ESA). Si è occupato per anni dell’invecchiamento accelerato negli astronauti sviluppando metodi di intervento per rallentarlo adottati anche dall’Agenzia Spaziale Europea e dalla NASA, dove ha lavorato a lungo presso il Johnson Space Centre di Houston. È stato anche flight surgeon (medico d’equipaggio) presso il Gagarin Cosmonaut Training Centre in Russia dove tra il 2001 e il 2002 ha seguito con tale incarico il Colonnello Roberto Vittori: primo italiano a volare con la navicella russa Soyuz. Negli Stati Uniti ha perfezionato i suoi studi in Medicina Funzionale, Medicina Rigenerativa e Anti-Invecchiamento, ottenendo il diploma dell’American Board of Anti-Aging & Regenerative Medicine (ABAARM).
Rientrato da poco in Italia, il Dr. Ongaro è oggi Direttore Scientifico dell’Istituto di Medicina Rigenerativa e Anti-Aging (ISMERIAN). È membro dell’Institute for Functional Medicine, dell’American Academy of Anti-Aging Medicine, dell’International Hormone Society e dell’American Association of Clinical Endocrinologists.
Nel campo della ricerca il Dr. Ongaro collabora con enti nazionali ed esteri tra cui l’Istituto di Fisiologia Clinica del CNR e l’Institute for Bio-medical Problems di Mosca. Il Dr. Ongaro è coinvolto anche in MARS500 il primo progetto internazionale di ricerca focalizzato sulla preparazione del volo spaziale umano su Marte, esperimento che si svolgerà a Mosca tra il 2009 e il 2010.
E' autore del libro "Le 10 chiavi della salute" pubblicato dalle Edizioni Salus Infirmorum

Malattia coronarica, ictus, scompenso cardiaco e morte prematura tutti correlati con livelli insufficienti di vitamina D

I risultati di uno studio presentato alla Conferenza Scientifica dell’American Heart Association ad Orlando (Florida), confermano una forte associazione tra la presenza di bassi livelli di vitamina D e maggior …

Malattia coronarica, ictus, scompenso cardiaco e morte prematura tutti correlati con livelli insufficienti di vitamina D Continua a leggere »

Torna su