Sistema dello stress e concetto di allostasi e di carico allostatico

Il sistema dello stress è costituito da due assi principali: l’asse ipotalamo-ipofisi-surrene e il circuito nervoso locus-coeruleus-simpatico-midollare del surrene. La prima via comprende il CRH, prodotto dall’ipotalamo, che stimola l’ACTH ipofisarico che a sua volta stimola la produzione di cortisolo da parte del surrene. La seconda via (nervosa) parte dai nuclei ipotalamici parvocellulari che si collegano con il locus coeruleus …

Continua a leggere »

Tessuto adiposo, obesità viscerale e infiammazione

Il tessuto adiposo nei mammiferi è presente in due forme:– BAT (tessuto adiposo bruno)– WAT (tessuto adiposo bianco). Il tessuto adiposo bruno (BAT) ha come principale funzione quella della termogenesi indipendente dal brivido, ossia un processo di produzione del calore, attraverso il disaccoppiamento della fosforilazione ossidativa, che interviene durante l’esposizione al freddo. Questo tipo di termogenesi senza contrazione muscolare è …

Continua a leggere »

Emozioni negative

Diversi studi hanno evidenziato che le emozioni negative si associano in generale a diminuzione delle funzioni immunitarie. Più di recente è emerso che persone con stile emozionale più negativo presentano una maggiore attivazione del cervello destro, in particolare della corteccia prefrontale destra. La spiegazione è stata fornita da studi di risonanza magnetica funzionale che hanno consentito di visualizzare le vie …

Continua a leggere »

Stress cronico: disfunzioni dell’asse HPA, alterazioni immunitarie e disturbi della sfera affettiva

L’asse HPA ha un suo ritmo circadiano caratterizzato da livelli massimi e minimi a cui si sovrappongono le variazioni indotte dallo stress. Nello stress cronico l’esposizione prolungata ad alti livelli di cortisolo riduce la sensibilità dei recettori cerebrali per il cortisolo e conseguentemente altera i meccanismi di feedback e il ritmo circadiano di CRH e ACTH. La persistente ipercortisolemia deprime …

Continua a leggere »

Immunità innata e Toll-like receptors (TLR)

L’immunità innata è la prima linea di difesa contro il non-self , è presente fin dalla nascita, non dà luogo a memoria immunitaria e ha le seguenti caratteristiche:– E’ rapida, grazie al riconoscimento di pattern molecolari stereotipati (es. LPS). – I suoi meccanismi di riconoscimento sono completamente determinati a livello genetico (senza bisogno di processi maturativi di tipo epigenetico).– Coadiuva …

Continua a leggere »

Schema, struttura e processo dei sistemi viventi

I sistemi viventi sono dei sistemi organizzativamente chiusi, in quanto in essi l’ordine è stabilito dallo stesso sistema, ma sono aperti all’ambiente in quanto scambiano materia, energia e informazione. Lo schema della vita, come rete autopoietica (= produzione di sé), è quindi caratterizzato da una chiusura organizzativa del sistema, mentre la struttura di un sistema vivente è aperta al flusso …

Continua a leggere »

Steroidi sessuali e immunità

Azioni sul timo Gli steroidi sessuali, di origine gonadica e surrenale, intervengono sulla modulazione della risposta immunitaria ed esercitano effetti simili a quelli dei corticosteroidi, sebbene di entità minore. Questi ormoni, in particolare interagendo a livello del timo, inducono modificazioni fondamentali per lo sviluppo della risposta immunitaria e sono responsabili di importanti diversità nella risposta immunitaria nei due sessi.La presenza …

Continua a leggere »

Effetti inibitori dei glucorticoidi sul sistema immunitario

I fattori di trascrizione possono regolare molti geni. Di conseguenza, l’inibizione dei fattori di trascrizione ad azione proinfiammatoria, da parte dei glucocorticoidi, modula miriadi di risposte. Il ruolo centrale dei glucocorticoidi, nel controllare le risposte immunitarie, suggerisce che vi sia una stretta e vicendevole regolazione tra vie infiammatorie e antinfiammatorie. Durante la risposta infiammatoria, l’IL-1, l’IL-6 e il TNF-α mediano …

Continua a leggere »

La cute come organo neuroimmunoendocrino e l’epidermide come tessuto sensoriale

Da tempo le ricerche in campo psicodermatologico hanno enfatizzato il ruolo significativo di fattori psicologici, quali lo stress, nello sviluppo e nell’esacerbazione di vari disturbi cutanei. In particolare è stata studiata la dermatite atopica, una malattia cronica infiammatoria e pruriginosa caratterizzata da un’infiammazione eczematosa della cute ad andamento cronico e con prurito severo. Allergia e aspetti psicologici sono strettamente connessi …

Continua a leggere »