In forma con le zuppe

Le zuppe aiutano a mantenersi in forma. A confermarlo è uno studio condotto su un campione di circa cento giapponesi e recentemente pubblicato sul Journal of the American Dietetic Association dal quale è emerso che chi consumava più zuppe presentava meno problemi con la circonferenza vita e con il rapporto vita-fianchi, parametri utili per capire se si è in sovrappeso e soprattutto se c’è un accumulo di grasso addominale, quello più rischioso.

Il segreto dell’effetto’anti-obesità’ delle zuppe sta nella loro capacità di saziare con poche calorie. Un ruolo fondamentale è svolto dalla colecistochina, ormone rilasciato dall’intestino dopo il pasto, che aiuta a ridurre il senso di fame. Con il consumo di una zuppa aumentano sensibilmente i livelli di colecistochina nel sangue, consentendo quindi di ridurre l’apporto energetico di un pasto.

Iniziare il pasto con una zuppa è dunque ideale per chi vuole seguire un regime alimentare ipocalorico. A quantificare le calorie che è possibile ‘risparmiare’ iniziando il pasto con una minestra è uno studio pubblicato da  Appetite e condotto alla Pennsylvania State University (Usa).

La ricerca ha coinvolto 60 adulti normopeso ed ha mostrato che quando i soggetti iniziavano il pasto con una zuppa a base di verdure (passate o a pezzetti), l’apporto energetico complessivo del pasto si riduceva del 20% . È importante però prestare attenzione agli ingredienti della zuppa che per essere ipocalorica non dovrebbe superare le 150 calorie (nel caso in cui la minestra costituisca solo una prima portata e non l’intero pasto). Via libera dunque a verdure di ogni tipo ma attenzione a non eccedere con i condimenti

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su