Lo zucchero? Una droga

Lo zucchero crea più dipendenza dell’eroina. Ci sta uccidendo lentamente“. A lanciare l’allarme è un articolo del Daily Telegraph in cui la nutrizionista Jacqueline Alwill spiega come, a causa del consumo massiccio di cibi ricchi di zucchero raffinato, è aumentato il pericolo di diabete, rischiamo di andare incontro all’invecchiamento precoce e, ovviamente, all’obesità.

Secondo Alwill la causa è da ricercare negli zuccheri più o meno nascosti che si trovano nei dolci, nelle bevande analcoliche, in quelle energetiche, in latti aromatizzati, succhi di frutta, pane, salse e condimenti in bottiglia, oltre che in una vasta gamma di pasti da asporto.

Secondo Alwill la nostra dipendenza da zucchero è paragonabile alla tossicodipendenza di un eroinomane: “Una volta che abbiamo provato il sapore dello zucchero, tendiamo a desiderarne sempre di più“. La nutrizionista spiega comunque che si tratta di una dipendenza che più essere eliminata molto facilmente, con dei piccoli cambiamenti nelle nostre abitudini quotidiane, riflettendo durante ogni pasto sulle quantità nascoste di zuccheri, e cercando di ridurle gradualmente.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su