Troppi zuccheri? Rischio di insufficienza cardiaca

L’assunzione di troppi zuccheri può portare all’insufficienza cardiaca. A lanciare l’allarme è uno studio dei ricercatori dell’Università del Texas, Health Science Center, di Houston (UTHealth).

In particolare gli studiosi hanno scoperto che ad essere responsabile del possibile sviluppo dell’insufficienza cardiaca – una condizione che può portate alla morte – è una piccola singola molecola: il metabolita del glucosio “Glucosio 6-fosfato (G6P)” che è causa di stress per il cuore. Tale situazione di stress arriva a modificare le proteine muscolari e induce un danno nella funzione di pompaggio del muscolo cardiaco, nota appunto come insufficienza cardiaca.

I ricercatori spiegano che la molecola G6P si può accumulare sia assumendo troppo zucchero che troppo amido.

“Il trattamento è difficile – ha spiegato il dottor Heinrich Taegtmeyer, professore di cardiologia presso l’UTH e principale autore dello studio –  I medici possono somministrare diuretici per controllare il sangue, beta-bloccanti e ACE-inibitori per abbassare lo stress sul cuore e permettere un pompaggio più efficiente. Ma soffriamo ancora di statistiche terribili e nessun nuovo trattamento negli ultimi 20 anni”.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su