Vittime del bullismo da adulti ansiosi e depressi

I bambini vittime di bullismo possono diventare in futuro adulti ansiosi, con disturbi depressivi, attacchi di panico e possibili intenzioni suicide.

È quanto emerge da uno studio della Duke University a Durham (Carolina del Nord) che ha coinvolto 1420 giovanissimi dai 9 ai 13 anni, pubblicato sulla rivista JAMA Psychiatry, e basato su oltre 20 anni di dati raccolti. Gli esperti hanno seguito il campione monitorandone lo stato di salute ogni anno fino all’età adulta.

Dall’indagine è emerso in modo conclusivo che le vittime di bullismo sono a maggior rischio di soffrire di svariati disturbi psichiatrici da adulti, dalla depressione all’ansia generalizzata, dagli attacchi di panico all’agorafobia. Alcuni hanno pensieri suicidi.

Dallo studio è però emerso che anche i bulli possono risentire a lungo termine del proprio comportamento e divenire adulti con disturbo antisociale o a loro volta depressi. “I danni psicologici del bullismo non vanno via perché una persona cresce e non è più vittima dei bulli – ha rilevato William Copeland del dipartimento di psichiatria e scienze del comportamento dell’ateneo Usa -. È qualcosa che resta con loro”.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su