Videogiochi violenti e malattie psichiatriche: esiste un legame?

Giocare assiduamente con videogiochi violenti e particolarmente impegnativi potrebbe aumentare il rischio di incorrere più facilmente in malattie psichiatriche.

È quanto emerge da uno studio pubblicato dal Royal Society Journal del Regno Unito ed effettuato dal professor Greg West del dipartimento di psicologia dell’Universita’ di Montreal.

La ricerca ha messo in relazione l’utilizzo smodato dei videogames (che da quando sono comparsi sul mercato non hanno mai smesso di suscitare perplessità) con un volume ridotto dell’ippocampo, condizione solitamente associata a disordine da stress post-traumatico, depressione e schizofrenia. Lo studio ha preso in considerazione 59 assidui giocatori ed ha mostrato come questi, in molte incombenze quotidiane, tendano a usare molto più la memoria procedurale rispetto al pensiero ‘ragionato’, un qualcosa solitamente legato appunto all’insorgenza di episodi psicotici.

La memoria procedurale (che ci fa fare le cose quasi in modo automatico) è legata al corpo striato del cervello. Ecco pertanto che un minore volume dell’ippocampo (invece piu’ legato alla memoria dichiarativa, quella più ‘cosciente’) potrebbe portare a un maggior ricorso a questa capacità.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su