Usa, Corte Suprema: no a divieto di vendita di videogiochi violenti ai minori

La Corte Suprema degli Stati Uniti ha stabilito che non si può vietare la vendita di videogiochi violenti ai minori. Il divieto, sostiene la Corte, rappresenterebbe una violazione della libertà di espressione sancita dalla Costituzione. La Corte Suprema statunitense ha dunque bocciato una legge della California che vietava la vendita o il noleggio di videogame violenti ai minorenni.

La legge era stata proposta di un senatore democratico al Parlamento californiano ed era stata promulgata dall’allora governatore repubblicano Arnold Schwarzenegger. Tale legge prevedeva una multa di 1.000 dollari per chi avesse venduto a minorenni giochi contenenti scene come per esempio “la mutilazione del corpo delle vittime”. Sotto accusa videogame come “Call of duty”, che ha venduto 5,6 milioni di copie nelle prime 24 ore, o “Postal 2”, che mostra uccisioni di massa e donne decapitate. L’industria dei videogiochi negli Stati Uniti, secondo i dati delle associazioni di settore, vale 18 miliardi di dollari l’anno.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su