Usa: una petizione per l’etichettatura dei prodotti OGM

Il mercato del mais americano OGM è in continua espansione: il prossimo anno negli Stati Uniti ben 37,3 milioni di ettari saranno coinvolti nella produzione di mais, di cui il 90% a regime OGM, per una produzione totale che supererà i 300 milioni di tonnellate. Una parte consistente verrà destinata alla produzione di biodiesel e all’alimentazione animale, la restante parte andrà a finire nei piatti degli americani.

La legge americana, tuttavia, non prevede l’indicazione OGM in etichetta. Anche le catene di negozi che vendono cibo biologico, come WholeFoods, hanno ammesso di non poter garantire che i suoi prodotti bio siano liberi da ingredienti geneticamente modificati.

Eppure “il 93% degli americani ritiene che il cibo geneticamente modificato vada etichettato“, come si legge sul sito della campagna Just Label It portata avanti da associazioni, aziende, agricoltori e cittadini e rivolta alla Food and Drug Administration (FDA), l’Agenzia deputata al controllo degli Organismi geneticamente modificati negli Stati Uniti.

Al fine di dare ai consumatori la possibilità di scegliere cosa acquistare, è ora partita negli Stati Uniti una petizione legale per rendere obbligatoria l’etichettatura dei prodotti agroalimentari ottenuti da Ogm o contenenti Ogm.

Come hanno spiegato Simona Capogna, vicepresidente Vas (Verdi Ambiente e Società), e Rosario Trefiletti, presidente Federconsumatori: “Pur essendo un’iniziativa apparentemente ‘lontana’, ci riguarda da vicino, perché il cambio di rotta degli Usa avrebbe come conseguenza una diminuzione nella produzione di Ogm e una minore pressione sui mercati degli altri Stati, compresa l’Europa.

Stabilire l’obbligo di etichettare gli Ogm permetterebbe innanzitutto di scalfire il paradosso sui cui poggia l’ambiguità della proposta biotech negli Usa, dove è possibile richiedere brevetti industriali sui prodotti geneticamente modificati (in quanto ‘innovativi’) ma non c’è l’obbligo di etichettare gli stessi prodotti, ritenuti ‘sostanzialmente equivalenti’ rispetto ai corrispettivi convenzionali”.

Secondo le due associazioni, dunque, “l’etichettatura renderebbe il mercato statunitense un po’ più libero, perché finora gli Ogm sono stati imposti ai consumatori, che non hanno avuto i mezzi per scegliere i propri alimenti. Se la richiesta di prodotti Ogm-free aumentasse, i produttori dovrebbero, quindi, adeguarsi con un’offerta altrettanto Ogm-free”.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su