Usa: cani in tribunale per sostenere i bambini

Li chiamano ‘courts dogs’ e sono i cani che nei tribunali americani tranquillizzano e sostengono i bambini che devono testimoniare. I ‘cani da tribunale’ richiedono un addestramento  mirato, omologato agli standard internazionali dei cani d’assistenza. “Arrivano dove non riuscirebbero gli esseri umani  – ha affermato April Sikes, avvocato del Texas coinvolto in una causa per abuso su minore-. Il compito del pubblico ministero è la ricerca della giustizia, e l’accertamento della verità e la condizione migliore per un bambino è il comfort”.

I court dogs hanno fatto il loro ingresso nei tribunali americani a partire dal 2003 ma la prassi sta diventando negli ultimi tempi sempre più diffusa.

“Questi animali sono ottimi ‘mediatori’ in questi casi. Si tratta di facilitatori della comunicazione che aiutano i piccoli a tranquillizzarsi di fronte alle domande di adulti, sicuramente competenti, ma estranei”, ha spiegato all’Aknkronos Anna Oliverio Ferraris, docente di psicologia dell’età evolutiva dell’università Sapienza di Roma.

Per un bambino, spiega l’esperta, “l’animale è un po’ come l’orsacchiotto di pezza, un oggetto traslazionale, nel senso che trasferisce su di lui sentimenti di rassicurazione che, generalmente, prova a contatto con le figure protettive. E questo consente di essere più spontanei, più liberi, nel parlare. È la stessa ragione per la quale, quando si deve ascoltare un bambino, si utilizza una marionetta, a cui i piccoli possono rivolgersi, senza parlare direttamente con l’adulto”. Il cucciolo, in altre parole, “fa da mediatore”. Con il cane vicino “è più facile che il bambino sia spontaneo e meno difeso. Si abbattono le barriere innalzate di fronte ad adulto estraneo. E così è sicuramente più probabile che riesca a rivelare quella che lui ritiene essere la verità”.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su