Università della Tuscia: stop alla sperimentazione delle colture OGM

Dopo 14 anni di attività, il ministero dell’Ambiente mette fine alla sperimentazione degli OGM e dà il via libera alla bonifica dei campi sperimentali di piante transgeniche dell’Università di Agraria della Tuscia. Comincia oggi l’espianto di kiwi, ciliegi e ulivi transgenici. La sperimentazione era iniziata nel 1998, ma era oramai scaduta da 3 anni.

La Fondazione Diritti Genetici aveva scritto al ministro dell’Ambiente, Corrado Clini, a quello dell’Agricoltura, Mario Catania, e al presidente della Regione Lazio, Renata Polverini, per chiedere la dismissione del campo in applicazione della legge e l’avvio di un programma di ricerca.

“La decisione della dismissione dei campi sperimentali è un vero successo – ha commentato Capanna presidente della Fondazione dei Diritti Genetici – ottenuto grazie all’impegno della Fondazione Diritti Genetici che è intervenuta per sanare una situazione di illegalità che si protraeva da più di tre anni. Un esempio di vero e proprio governo civico, che, sollecitando le istituzioni, ha saputo ripristinare la legalità e incentivare la ricerca. Adesso speriamo – ha aggiunto Capanna – che i due Ministeri possano coordinarsi, per evitare che i campi siano distrutti prima di aver prelevato i campioni”.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su