Tumori: due milioni di morti per obesità e sedentarietà

Obesità e sedentarietà sono responsabili di quasi due milioni di morti per tumore nel mondo. È quanto sostengono gli esperti dell’Università di Washington, citati dall’Associazione italiana per la ricerca sul cancro(Airc) che a Milano ha presentato l’iniziativa nazionale di sabato 30 gennaio intitolata le “Arance della Salute”.

Ad essere tuttora sottovalutato, evidenzia l’Airc, è il ruolo dell’esercizio fisico che dovrebbe essere prescritto come una medicina, perché può essere altrettanto efficace di un farmaco.

Diverse ricerche scientifiche dimostrano infatti che “un’attività fisica regolare diminuisce del 30-40% il rischio di tumore al colon, del 20-40% di quello all’utero e del 20% al polmone, oltre a contribuire alla prevenzione del cancro al seno”.

Secondo i dati forniti dall’ateneo della capitale statunitense, circa 3,3 milioni di decessi per cancro nel mondo sono correlati a rischi connessi soprattutto al metabolismo.

“Oltre il 40% delle morti per cancro potrebbero essere facilmente prevenibili modificando gli stili di vita. Il fumo resta la principale causa con 1,5 milioni di decessi ogni anno, ma sono preoccupanti anche l’obesità, l’eccesso di sale, bevande alcooliche, un basso consumo di frutta e verdura e la scarsa attività fisica”.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su