Trasporti marittimi: le emissioni causano 400.000 morti premature

Le emissioni dei trasporti marittimi causano 400.000 morti premature e 14 milioni di casi di asma infantile. È quanto emerge dallo studio “Environmental health: Cleaner marine fuels may reduce associated childhood asthma” condotto da un team di ricercatori finlandesi e statunitensi e pubblicato su Nature Communications. Lo studio rileva che negli ultimi anni si sono registrate circa 400.000 morti premature per cancro al polmone e malattie cardiovascolari dovute all’inquinamento prodotto dal trasporto marittimo e ci sono stati circa 14 milioni i casi di asma infantile all’anno.

Secondo l’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (Ispra), solo in Italia nel 2014 il trasporto marittimo ha prodotto 22.403 tonnellate di emissioni di ossidi di zolfo. Ad aprile a Londra si terrà un importante meeting dell’International maritme organization (Imo) che dovrebbe raggiungere un accordo per frenare l’impatto del trasporto marittimo sul clima e comporterà anche notevoli benefici per la salute.

Nell’ottobre 2016 l’Imo ha approvato delle norme più severe sulla qualità dei combustibili marittimi, che entreranno in vigore a partire dal 2020, che prevedono che il combustibile impiegato sulle navi potrà contenere un massimo di 0,5% di zolfo rispetto all’attuale 3,5%.

Tuttavia il team guidato da Jukka-Pekka Jalkanen del Finnish meteorological institute (Fmi) e da James Corbett, dell’università del Delaware rileva che se è vero che i combustibili più puliti e a basso tenore di zolfo per le navi dimezzeranno il numero di casi di asma infantile, questo potrebbe costituire un problema per quanto riguarda il cambiamento climatico.

“I carburanti più puliti – riferiscono gli studiosi – ridurranno del 34% la mortalità prematura correlata ali trasporti marittimi, da 403.300 a 266.300 casi all’anno a livello globale. L’asma infantile associata all’inquinamento atmosferico delle navi sarà ridotta del 54% da 14 milioni di casi all’anno a 6,4 milioni. Tuttavia, gli impatti positivi sulla salute degli standard dei carburanti più puliti sono accompagnati da una riduzione dell’80% del raffreddamento radiativo degli aerosol”.

Secondo gli autori dello studio la politica internazionale dovrebbe prendere in considerazione sia  la riduzione dei gas serra che l’inquinamento atmosferico.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su