Il Tradimento di Ippocrate. La Medicina degli affari

«“La Medicina che uccide”: già li vedo i miei Colleghi medici; mi sembra di sentirli commentare il titolo di questo capitolo …: “Esagerato! Sempre il solito polemico. Come si fa a dire che la Medicina uccide! Non è vero, non è corretto nei confronti della gente!”.

Che la Medicina dei farmaci uccida lo dicono i dati … ovviamente quei pochi, scarsi, rarissimi dati che è possibile trovare in una letteratura dominata, addomesticata e sapientemente manipolata dalle multinazionali del farmaco … per le quali vendere è certamente di vitale importanza, ma non meno importante – per immagine e profitti – è tenere ben nascosta l’ecatombe di vittime che annualmente devono essere sacrificate sull’altare del business

Secondo uno studio del 2004, pubblicato su Clinical Oncology (Clinical Oncology 2004;16:549-560), il contributo della chemioterapia antitumorale alla sopravvivenza a cinque anni dalla diagnosi di cancro non è superiore al 2%; il che, detto in altre parole, significa che la chemioterapia antitumorale è TOTALMENTE INEFFICACE nel raggiungere lo scopo per cui viene somministrata. Si obietterà che una singola indagine non fa testo, ma per evitare qualunquismi e approssimazioni, vediamo di che indagine si tratta. Questo studio è una metanalisi, ossia una raccolta di indagini pubblicate su diverse riviste scientifiche e analizzate collettivamente con metodi statistici; esso riunisce i maggiori studi clinici sull’impiego della chemioterapia effettuati in Australia e negli Stati Uniti, dal gennaio 1990 al gennaio 2004 ed è riferito ad un totale di 225.000 pazienti affetti da 22 tipi diversi di tumore, trattati con farmaci antitumorali … è pertanto evidente che non si tratta di un ‘singolo studio’! …

Bekelman e collaboratori, in un recente studio pubblicato dal Journal of the American Medical Association, dopo aver preso in considerazione una serie di articoli della letteratura il cui scopo era quello di valutare estensione e impatto delle relazioni tra industria, ricercatori e istituzioni accademiche, così concludono: “Le relazioni finanziarie tra industria, ricercatori e istituzioni accademiche sono largamente diffuse. I conflitti di interesse che nascono da questi legami possono influenzare la ricerca biomedica in modo vario e sostanziale” (JAMA Jan 22/29; 2003; 289/4).

È davvero questa la Medicina che vogliamo? …

E il paziente? Il paziente è il motore che alimenta la macchina del business, è una figura centrale, in questo sistema che, se non ci fosse, “bisognerebbe inventarlo” … no, non è un semplice modo di dire, ma una realtà con la quale dovremo confrontarci sempre più spesso se continueremo a lasciarci governare dalle logiche affaristiche dell’industria … che letteralmente INVENTA malattie e malati per garantirsi sostentamento e sopravvivenza! …».

L’Autore affronta anche la storia di quelli che lui chiama: “Gli Eroi dimenticati della Medicina”:

«Jacques Benveniste, con la sua scoperta della “memoria dell’acqua”, la cui credibilità scientifica fu annullata da chi doveva a tutti i costi proteggere l’establishment medico internazionale dalla ‘minaccia’ di una scoperta sensazionale che avrebbe distrutto la credibilità dei produttori di farmaci …

William Bates, eminente oculista statunitense che insegnò ai suoi studenti di Medicina come curare la miopia senza l’impiego delle lenti correttive e che per questo venne espulso dalla facoltà di Medicina! …

Pierre Jacques Bechamp, contemporaneo di Pasteur, del quale quest’ultimo aveva sfruttato la genialità e l’abilità per diffondere, con la menzogna e la frode, la ‘teoria dei germi’, in contrapposizione alla ‘teoria cellulare’ di Bechamp che sostiene che in condizioni normali i germi sono utili perché cooperano con le cellule nei loro processi metabolici, ma assumono funzioni catabolico/distruttive se la cellula o l’ambiente si alterano …

Peter Duesberg, professore di biologia cellulare, scopritore dei ‘geni del cancro’ e considerato il maggior virologo vivente, ma criticato e isolato dopo aver dimostrato che l’HIV non causa l’AIDS e che questa malattia è causata da una molteplicità di fattori che includono la promiscuità, certe abitudini sessuali, le trasfusioni di sangue, l’uso plurimo di siringhe infette, l’uso di droghe psicoattive e addirittura l’AZT, ossia il farmaco che viene usato per la ‘terapia’ della malattia…».

È una lettura affascinante che insegna ad orientarsi e a difendersi da imbrogli
che ad alcuni pazienti possono costare veramente cari

>>> Il Tradimento di Ippocrate. La Medicina degli Affari di Domenico Mastrangelo (leggi il libro)

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su