Terza età in Italia: gli anziani fotografati dal Censis

“Terza età. Un mondo da scoprire, una risorsa da valorizzare”: questo il nome del convegno tenutosi oggi a Roma nel corso del quale è stato presentato un rapporto Censis-La Repubblica sulla terza età in Italia. Dal report emerge che  il 61,4% degli over 60 ritiene che la condizione degli anziani nell’ultimo decennio è rimasta uguale, il 24,6% che è peggiorata, il 2,9% che è migliorata, l’11,1% non lo sa.

In generale, gli anziani valutano in modo sostanzialmente positivo la loro condizione di vita attuale, sebbene in misura leggermente inferiore rispetto allo scorso anno:  il 45,5% degli intervistati pensa positivamente e fa cose che lo fanno stare bene (lo scorso anno la percentuale era del 50,2%), il 37% pensa positivamente ma vorrebbe fare di più (la percentuale del 2009 era del 35,6%), l’8,6% considera la propria vita sia noiosa e poco gratificante (il dato del 2009 era pari al 5,2%), l’8,9% pensa negativamente, dichiara di avere troppi problemi e troppi guai (il dato precedente era il 9%).

Da un punto di vista strettamente quantitativo, dal 2002 al 2010, sono aumentati tutti i segmenti della terza età: gli ultrasessantenni del 12,7%, gli ultra sessantacinquenni del 14,6%, gli ultra novantenni dell’11,8%, mentre i centenari più che raddoppiati (da 6mila a 15mila).

Dall’indagine è emerso inoltre che negli ultimi anni è cresciuta l’autonomia degli anziani, mentre  si è spostata in avanti l’insorgenza di patologie fortemente invalidanti: la non autosufficienza si manifesta dopo i 70 anni e raggiunge il valore del 4,3% dagli 80 anni in su. Le condizioni di salute per la Terza Età peggiorano molto procedendo dal Nord verso il Sud, a causa di molteplici fattori quali gli stili di vita, l’organizzazione sanitaria, i presidi territoriali e, forse, una diversa percezione personale della malattia.

Il 15,2% degli anziani ammette poi di avere cattive relazioni con i figli, ma, d’altra parte, crescono sia coloro che aiutano i figli e anche quelli che vengono aiutati da figli e parenti.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su