Nuove tecnologie e salute dei ragazzi: quali danni?

Tablet, pc e videogiochi inducono infatti i ragazzi a condurre uno stile di vita sedentario e questo, a sua volta, provoca mal di schiena e dolori al collo. Tablet, pc e videogiochi inducono infatti i ragazzi a condurre uno stile di vita sedentario e questo, a sua volta, provoca mal di schiena e dolori al collo. Questi problemi si manifestano già dai 7 anni e diventano sempre più frequenti tra gli under 18.

È quanto emerge da uno studio britannico realizzato dal centro ospedaliero dell’università Aertawe Bro Morgannwg (Galles), dopo che la struttura aveva visto raddoppiare in 6 mesi il numero dei trattamenti per questi disturbi tra bambini e ragazzi.

La ricerca ha coinvolto un campione di 200 pazienti pediatrici, tra i 7 e i 18 anni. Dai dati è emerso che il 64% dei ragazzi di età compresa tra gli 11 e i 18 anni ammette di soffrire di mal di schiena ma, nel 90% dei casi non è ha parlato con nessuno. Anche il 72% dei più giovani – tra i 7 e i 10 anni – ha sofferto di questo tipo di dolori.

Pertanto è fondamentale “formare alle buone abitudini perché i ragazzi possano esprimere il proprio potenziale senza essere limitati, nello sport e nel lavoro, da dolori che potrebbero essere facilmente evitati”.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su