Così la tecnologia compromette la salute degli adolescenti

Smartphone, social e videogame minacciano la salute degli adolescenti di oggi. Queste e altre tecnologie, infatti, fanno perdere ai ragazzi ora di sonno, mettono a repentaglio lo sviluppo stesso del loro cervello, li espongono a rischio di impulsività e possono favorire l’insorgere di disturbi psichici nel caso vi sia una predisposizione latente del giovane.

A lanciare l’allarme è Claudio Mencacci, Direttore Dipartimento Neuroscienze e salute mentale dell’ASST FBF-Sacco di Milano, autore, insieme a Gianni Migliarese, psichiatra del FBF, del libro “Quando tutto cambia. La salute psichica in adolescenza” (Pacini Editore) presentato a Milano.

Come spiega Mencacci, gli adolescenti tendono a dormire meno di 6 ore almeno il 10% delle notti, a 18 anni il 75% dei ragazzi dorme meno di 8 ore e soltanto il 3% dorme più di 9 ore. Soprattutto se cronica, la deprivazione di sonno può avere conseguenze a lungo termine in termini di formazione dei circuiti cerebrali.

Un’altra minaccia per lo sviluppo cerebrale dell’adolescente, spiega Migliarese, è l’esposizione a sostanze stupefacenti: il 33% degli studenti italiani, circa 800.000, ne ha provata almeno una tra alcool, cannabis, vecchie e nuove droghe. Tutte le molecole psicotrope hanno un impatto significativo sulla maturazione cerebrale dell’adolescente, con livelli di gravità che differiscono da sostanza a sostanza e da modalità di assunzione.

“In Italia – spiega Mencacci – abbiamo oggi circa 8 milioni e 200 mila giovani tra i 12 e i 25 anni. Di questi circa il 10% (dati ISTAT) si dichiarano globalmente insoddisfatti della loro vita, delle loro relazioni amicali, familiari e della loro salute. I dati epidemiologici nazionali e internazionali riscontrano tassi simili di ragazzi con manifestazioni depressive o sintomi d’ansia. È a questi 800 mila giovani che bisogna prestare attenzione facilitando il riconoscimento di tutti quei fattori ‘tossici’ che possono favorire l’esordio e il mantenimento di patologie psichiche”.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su