Udine: sei arresti per tangenti su protesi acustiche

I Carabinieri del Nas di Udine, su disposizione del Gip del Tribunale, hanno arrestato sei persone. I sei arrestati sono tre medici pubblici e tre imprenditori del settore delle protesi acustiche, con l’accusa di corruzione e comparaggio.

Centinaia di pazienti residenti nel nordest sarebbero stati infatti indotti ad usufruire di specifiche ditte per l’acquisto di protesi per l’udito, dietro compensi in denaro ed altri benefici che gli imprenditori versavano ai medici.

Nell’inchiesta risultano indagate anche altre quattro persone tra medici e imprenditori.

Sono inoltre in corso anche 38 perquisizioni locali e personali in 10 provincie del Nord-Est (Udine, Trieste, Pordenone, Gorizia, Treviso, Padova, Venezia, Vicenza, Rovigo e Belluno), con l’impiego di oltre 150 Carabinieri del Nas e dei Reparti territoriali.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su