Quanto bisogna dormire? Ecco la tabella del giusto sonno in base all’età

La National Sleep Foundation statunitense ha stilato nuove raccomandazioni per il numero corretto di ore di sonno per fascia d’età, dai primi tre mesi di vita (14-17 ore al giorno) agli over-65 (7-8 ore). La tabella del sonno è frutto di due anni di lavoro di un gruppo di esperti riunito a tale scopo e afferente a società importanti come la American Academy of Pediatrics o la American Geriatrics Society.

Le raccomandazioni si basano sull’analisi di 300 studi pubblicati su tale argomento, come ha spiegato il coordinatore del lavoro Charles Czeisler, che dirige il dipartimento di medicina del sonno presso il Brigham and Women’s Hospital di Boston.

Il numero di ore di sonno raccomandato per i primi tre mesi di vita è 14-17 ma si può anche scendere fino a 11 e salire fino a 19 ore di sonno al giorno, senza però eccedere questi che sono i limiti massimi.

– Da 4 a 11 mesi la finestra raccomandata è 12-15 ore, ma si può sforare entro il ‘range’ 10-18.
– Da uno a due anni si deve dormire 11-14 ore al giorno, si può sforare entro la fascia 9-16.
– Da 3-5 anni la finestra ottimale è 10-13 ore, ma si può sforare entro le 8-14 ore.
– Da 6 a 13 anni la finestra ottimale è 9-11 ore di sonno al giorno, quella consentita è 7-12.
– Da 14 a 17 anni l’optimum è 8-10, quello consentito è 7-11.
– Tra 18-25 anni l’optimum è 7-9, quello consentito 6-11.
– Tra 26-64 anni la finestra ottimale è 7-9 e si può spaziare dalle 6 alle 10 ore.
– Per gli over-65, infine, bisogna tenersi tra le 7-8 ore ma si può spaziare tra le 5 e le 9 ore.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su