Troppi studi clinici non pubblicati. Perché?

Troppi studi clinici rimangono impubblicati. È noto che le aziende farmaceutiche siano sempre state riluttanti a pubblicare risultati che attestino fallimenti e che vanno quindi contro gli interessi economici delle stesse aziende; adesso però la mancata pubblicazione si diffonde anche tra gli accademici.

È quanto denuncia un gruppo di scienziati che sul British Medical Journal spiega che per circa un terzo degli studi clinici condotti negli Stati Uniti e in Gran Bretagna i dati restano impubblicati a 5 anni dalla conclusione; 250.000 le persone che hanno preso parte a questi studi e che sono state esposte ai rischi connessi alla ricerca clinica senza che la comunità abbia mai potuto beneficiare dei risultati.

Secondo gli autori, pertanto, le aziende farmaceutiche e le altre organizzazioni che portano avanti studi clinici stanno violando i doveri etici che hanno nei confronti della gente.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su