Infezioni da Stafilococco: diminuiscono con meno antibiotici

Ad una diminuzione dell’uso dell’antibiotico ciprofloxacina (l’antibiotico più comunemente prescritto della famiglia dei fluorochinoloni) corrisponde una diminuizione delle infezioni dovute dallo Stafilococco aureo.

È quanto hanno scoperto ricercatori inglesi del Dipartimento di scienze cliniche dell’Università di Londra, che hanno pubblicato i risultati del loro studio sul “Journal of Antimicrobial Chemotherapy”. 

Il batterio preso in esame dai ricercatori è lo Stafilococco aureo resistente alla meticillina, o Mrsa, conosciuto anche come Stafilococco aureo multi-farmaco resistente in quanto ha sviluppato una resistenza agli antibiotici beta-lattamici.

L’Mrsa può essere causa di infezioni gravi della pelle, del sangue, dei polmoni e delle ossa: una volta contratta l’infezione, la cura con normali antibiotici può provocare gravi complicazioni.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su