Buttate ogni anno 1,3 miliardi di tonnellate di cibo prodotto. Dalla Coldiretti i consigli anti-spreco

Un terzo del cibo prodotto ogni anno per il consumo umano, circa 1,3 miliardi di tonnellate, va perduto o sprecato. I paesi industrializzati e quelli in via di sviluppo sprecano all’incirca la stessa quantità di cibo: rispettivamente 670 e 630 milioni di tonnellate. Inoltre l’ammontare di cibo che va perduto o sprecato ogni anno è equivalente a più di metà dell’intera produzione annuale mondiale di cereali (2,3 miliardi di tonnellate nel 2009/2010). questi gli allarmanti dati emersi dallo studio Global Food Losses and Food Waste (Perdita e spreco di cibo a livello mondiale) diffuso ieri dalla Fao.

In Italia a causa degli sprechi dal campo alla tavola viene perso cibo per oltre dieci milioni di tonnellate. Le perdite economiche nel nostro Paese ammontano a circa 37 miliardi di euro che sarebbero sufficienti a nutrire 44 milioni di persone. È quanto stima la Coldiretti che, per contrastare gli sprechi, ha elaborato una serie di consigli.

Per quanto riguarda i prodotti ortofrutticoli, quelli più a rischio spazzatura con l’arrivo del caldo è meglio effettuare acquisti ridotti e ripetuti nel tempo, verificando l’etichettatura e preferendo le produzioni e le varietà locali e di stagione, magari acquistate direttamente dal produttore, che, non essendo soggette a lunghi tempi di trasporto, restano fresche più a lungo.

Una volta a casa conviene mantenere separati i prodotti, dividendo quelli che si consumeranno subito da quelli che si pensa di conservare. I primi possono esseri messi in un portafrutta al buio eventualmente coperti da un tovagliolo, mentre i secondi in frigorifero.

In cucina poi basta un po’ di fantasia per evitare gli sprechi: ad esempio si possono preparare ottime polpette recuperando della carne macinata avanzata con l’aggiunta di uova, pane duro e formaggio, oppure la frittata di pasta per riutilizzare gli spaghetti del giorno prima e la pizza rustica per consumare le verdure avanzate.

Oltre che a casa – conclude Coldiretti – è importante evitare sprechi anche al ristorante, dove aumentano gli italiani che non si vergognano di portare via gli avanzi di pranzo o cena.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su