Lo sport di squadra è un antidepressivo per gli adolescenti

La partecipazione agli sport di squadra – che si tratti di calcio, rugby, pallacanestro o atletica –  collegata ad una minore probabilità di depressione nei teenager e a modificazioni nella struttura del loro cervello. È quanto emerge da uno studio pubblicato sulla rivista Biological Psychiatry: Cognitive Neuroscience and Neuroimaging.

I ricercatori della Washington University di St. Louis, negli Usa, hanno esaminato un campione di 4.191 bambini tra 9 e 11 anni, i cui genitori hanno fornito informazioni sulla partecipazione dei loro figli a sport o altre attività e su eventuali sintomi depressivi. Le scansioni cerebrali dei bambini hanno fornito poi dati sul volume del loro ippocampo, area del cervello importante per la memoria ma anche per l’umore.

“Abbiamo scoperto – ha spiegato Lisa Gorham, autrice principale dello studio – che il coinvolgimento nello sport, ma non in attività come la musica o l’arte, è correlato a un aumento del volume dell’ippocampo e alla riduzione della depressione nei giovanissimi”.

Queste relazioni erano particolarmente forti in chi faceva parte di squadre scolastiche e associazioni sportive rispetto a chi aveva un impegno più informale nelle attività fisiche, forse grazie alla maggiore interazione sociale o regolarità che comporta il lavoro in team. Non è ancora chiaro se il partecipare agli sport porti alla diminuzione della depressione o viceversa. Ad ogni modo “i risultati – conclude Gorham – stimolano nuovi lavori sulla prevenzione e il trattamento di questa condizione nei bambini”.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su