Sport sulla neve: come prepararsi alle piste da sci

Un po’ di allenamento preparatorio, un’alimentazione corretta e casco sempre in testa sulle piste. Questi i consigli fondamentali dei pediatri rivolti ai piccoli sciatori per aiutarli a praticare in modo sicuro gli sport sulla neve.

“Lo sci deve essere un gioco, un divertimento, è perciò importante che l’istruttore conosca le caratteristiche di ciascun allievo. In caso di incidente è fondamentale, in attesa dei soccorsi, non toccare in alcun modo la persona infortunata”, ha spiegato  Armando Calzolari, responsabile di Medicina cardiorespiratoria e dello sport dell’ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma.

Lo sport e la montagna, spiega lo specialista, fanno bene anche ai bambini allergici: “qualsiasi sia la loro manifestazione patologica, quando la sintomatologia è ben controllata dal programma terapeutico possono praticare i giochi sulla neve e l’attività sportiva”.

Fare esercizio regolare e mantenersi in forma è essenziale anche per i bambini con malattie renali che possono così godersi la vacanza senza preoccupazione.

Un’ora sulle piste equivale al consumo medio di 300 calorie: una buona notizia per i bambini in sovrappeso.

Il ‘debutto’ sulle piste da sci, insomma, non si improvvisa e ciò non vale soltanto nel caso dei più piccoli. “Chi va a sciare senza un minimo di allenamento va incontro a un’alta percentuale di possibilità di infortunio. Due sciatori su tre cadono dagli sci e rischiano di farsi male perché non sono allenati”, avverte Sandro Rossetti, primario del reparto di Ortopedia e Traumatologia dell’ospedale San Camillo di Roma.

“La distorsione è la lesione più diffusa tra i frequentatori delle piste da sci – spiega l’esperto – mentre le parti del corpo più interessate da questo tipo di infortunio sono le ginocchia. Nello sci, a causa di una caduta, i più colpiti sono gli arti inferiori (52% dei casi), meno gli arti superiori (16,3% dei casi). E si procurano una distorsione più le donne (42,1%) rispetto agli uomini (23,7)”.

“Lo sci – spiega l’esperto – va affrontato con una preparazione muscolare adeguata. Quando si scia, infatti, si sta con la caviglia bloccata all’interno dello scarpone, di conseguenza l’articolazione che diventa perno di rotazione è il nostro ginocchio. Dobbiamo proteggerlo dai traumi in rotazione che sono quelli frequenti in questo sport. La protezione migliore è certamente quella offerta da muscoli tonici e in allenamento”. Ecco perché è importante una preparazione muscolare adeguata.

“Bisogna lavorare in particolare sul quadricipite e il bicipite femorale, per dare stabilità articolare al nostro ginocchio – spiega l’ortopedico – L’altra articolazione da proteggere è la spalla, perché la lussazione traumatica è frequente nel trauma da caduta da sci”.

Lo specialista consiglia dunque di “dedicare almeno un’ora per un paio di settimane, prima di partire, o alla palestra o al nuoto, con l’ausilio di un buon preparatore atletico che sappia indicarci gli esercizi migliori per rinforzare e proteggere ginocchio e spalla”.
Quando non è possibile recarsi o in palestra o in piscina “tutti noi abbiamo la possibilità di prepararci in casa, con esercizi di flesso-estensione degli arti inferiori.

“È necessario distendersi su un tappeto, tirare verso il nostro naso la punta del piede tenendolo a 90 gradi rispetto alla gamba, contrarre al massimo il muscolo della coscia, sollevare l’arto dal terreno fino a portarlo a 45 gradi rispetto al pavimento, contare fino a 10 mantenendo la massima contrazione e riportarlo a terra. Ripetere questo esercizio fino a che la coscia appare dolente. Questo banale esercizio ripetuto due volte al giorno ci permetterà in due settimane di affrontare la settimana bianca in condizioni di sicurezza”.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su