Sport alleato del cuore e fonte di risparmio per la sanità

“Non c’è miglior pillola che un regolare esercizio fisico, se si vuole invecchiare in buona salute, evitare gravi malattie croniche e, soprattutto, limitare il proprio peso in termini di assistenza sanitaria sulle finanze pubbliche”.

È questa la conclusione di uno studio pubblicato sul Journal of the American Heart Association, nel quale si analizzano i dati di oltre 26 mila soggetti maggiorenni, metà dei quali con malattie cardiovascolari.

“Anche tra i soggetti ad alto rischio, come quelli con una diagnosi di malattia cardiaca o di ictus – ha spiegato il dottor Khurram Nasir, direttore Center for Healthcare Advancement and Outcomes e Direttore del High Risk Cardiovascular Disease Clinic al Baptist Health South Florida – coloro che si dedicano regolarmente all’attività fisica hanno riportato un rischio molto più basso di ricovero, di accessi al pronto soccorso e di prescrizione di farmaci”.

In questo studio i ricercatori hanno osservato in particolare i risparmi che l’attività fisica comporta. Proprio coloro che soffrivano di malattie cardiovascolari (il gruppo che nello studio aveva maggiori spese sanitarie), svolgendo i livelli raccomandati di attività fisica (30 minuti di attività aerobica di livello moderato per 5 volte a settimana o 25 minuti di attività aerobica intensa per 3 volte a settimana) avevano un risparmio di almeno 2500 dollari all’anno rispetto a coloro che non seguivano le raccomandazioni.

Gli autori dello studio stimano che se solo il 20% dei pazienti cardiovascolari sedentari cominciasse a rispettare questi suggerimenti in termini di esercizio fisico, si risparmierebbero globalmente molti miliardi di dollari all’anno in assistenza sanitaria.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su