Sostanze chimiche sotto i letti: a rischio soprattutto i bambini

Un mix pericoloso di sostanze chimiche si annida sotto i letti. Gravi i rischi per la salute: seri danni alla fertilità, deficit d’attenzione e persino malattie oncologiche. Sotto accusa sono gli interferenti endocrini rilasciati da cosmetici, elettrodomestici, giocattoli e altri oggetti spesso presenti in camera da letto. In pericolo sono soprattutto i bambini che trascorrono fino al 90% del loro tempo in casa, dove l’esposizione a queste sostanze può essere fino a mille volte superiore di quella riscontrata all’esterno.

A lanciare l’allarme è lo studio ‘Mostri malvagi sotto il letto’, che ha analizzato la polvere presente nelle camere da letto in Europa, Africa e Asia. La ricerca è stata promossa dall’Associazione Malattie da Intossicazione Cronica e Ambientale (Amica), dall’organizzazione no profit ChemSec, insieme alla Società Svedese per la conservazione della natura (Ssnc). 

“Questo rapporto – afferma Anne-Sofie Andersson, direttrice di ChemSec – dimostra che sotto il letto si annidano sostanze chimiche altamente problematiche. Per permettere di dormire bene la notte sia l’Unione Europea che tutti i singoli Paesi membri devono agire con forza. Attualmente i cittadini non sono adeguatamente protetti da questo cocktail di interferenti endocrini dalle leggi comunitarie in materia”.

“I risultati dello studio – riferisce l’Amica – hanno dimostrato che gli interferenti endocrini vengono rilasciati da molti prodotti comunemente presenti nelle nostre case, tra i cui mobili, strumenti elettronici, cosmetici e giocattoli. I soggetti che rischiano di più a causa dell’esposizione alle sostanze chimiche presenti nella polvere domestica sono quelli più vicini al pavimento, cioè i bambini piccoli”. 

Gli scienziati hanno analizzato i campioni di polvere raccolti nelle camere da letto in sei Stati membri dell’Unione Europa, in quattro paesi dell’Africa e in due del sud-est asiatico. Alcune delle sostanze chimiche ricercate, come il nonilfenolo e alcuni ftalati, sono state riscontrate a livelli più alti nelle case europee.

“È evidente che in Europa non viene sufficientemente impiegato il principio di precauzione – ha avvertito Francesca Romana Orlando, vice presidente di Amica – se nelle case degli italiani e degli europei si riscontrano livelli così alti di interferenti endocrini. Servono maggiori controlli sui prodotti – prosegue – e, in generale, la Commissione Europea e i singoli governi dovrebbero comprendere che mettere limiti all’industria rappresenta un colossale risparmio in termini di salute e sicurezza ambientale”.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su