Sonno: dormire poco fa male al cuore

Dormire solo cinque ore a notte altera i ritmi del battito cardiaco e gli effetti negativi sulla salute del cuore sono ancora peggiori se si dorme nelle ore sbagliate, ovvero di giorno. Un campanello d’allarme in particolare per i lavoratori notturni.

Ad osservare le conseguenze di una quantità di sonno inadeguata è un nuovo studio pubblicato sulla rivista ‘Hypertension’ a firma di Daniela Grimaldi della Northwestern university Feinberg School of medicine.

I volontari sono stati divisi in due gruppi e per una settimana hanno dormito solo 5 ore ogni 24, ma un gruppo le ha dormite di notte e l’altro di giorno. I ricercatori hanno misurato ripetutamente una serie di marker: la pressione sanguigna, il ritmo cardiaco,la variazione degli intervalli tra un battito e l’altro, i livelli dell’ormone dello stress norepinefrina nelle urine, ecc.

I ricercatori hanno così riscontrato che la pressione sanguigna è rimasta stabile, ma il ritmo cardiaco si è innalzato in tutti i volontari. Nel gruppo costretto a dormire nelle ore diurne, i livelli di norepinefrina sono risultati più elevati, e la variabilità del battito cardiaco è scesa durante le ore di veglia.

“La diminuzione della variabilità del ritmo dei battito cardiacoha spiegato Grimaldi – è considerata un’indicazione di rischio cardiovascolare”.

I segnali più allarmanti, tuttavia, sono stati osservati durante la cosiddetta fase di sonno a ‘onde lente’, quando solitamente la pressione ed il ritmo cardiaco si abbassano e permettono la ‘ricarica’ del muscolo cardiaco. Nei volontari, di entrambi i gruppi il ritmo cardiaco è invece aumentato.

Cosa può fare chi è costretto a lavorare di notte? Grimaldi suggerisce, in particolare ai turnisti costretti a lavorare di notte, di mangiar sano, fare attività fisica e dormire il più possibile per ridurre al minimo tutti gli altri fattori che possono contribuire al rischio cardiovascolare.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su