Sonniferi: aumenta il rischio di morte

L’assunzione di sonniferi aumenta il rischio di morte. A sostenerlo è uno studio pubblicato dalla rivista BMJ Open che raccomanda ai medici di valutare con attenzione la prescrizione di tali medicinali. La ricerca è stata condotta negli Stati uniti, dove nel 2010 oltre il 10% della popolazione ha assunto sonniferi. Proprio l’uso di questi farmaci sarebbe da associare secondo i ricercatori ad un aumento di oltre lo 0,5% (tra 320.000 e 507.000) di decessi registrato quello stesso anno.

Dallo studio è emerso che anche l’assunzione di una ridotta quantità di farmaci, meno di 18 dosi l’anno, aumenta di tre volte e mezzo il rischio di morte, rispetto a quanti non ne assumono. Mentre chi assume tra 18 e 132 dosi l’anno è oltre quattro volte più a rischio.

In particolare un elevato rischio di mortalità è stato collegato all’assunzione di un sonnifero molto utilizzato, ovvero il Temazepam. I ricercatori hanno scoperto che gli individui che assumono queste pillole hanno 4,6 volte in più di probabilità di morire nel corso di un periodo di 2,5 anni rispetto a quelli che non hanno assunto la stessa medicina. 

Tale aumento del rischio risulta indipendente da altre condizioni di salute di base, come le malattie cardiache e polmonari, e altri fattori come il fumo e l’uso di alcol. I ricercatori sostengono che non è ancora chiaro il perché le persone che assumono sonniferi siano a maggior rischio.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su