Il sole fa bene anche alle ossa

L’esposizione al sole, oltre a regalarci l’abbronzatura, fa bene anche alle ossa. In particolare, stimolando la produzione della vitamina D, ha un effetto “accresci-ossa”, in particolare nei bambini.

“Prendere il sole fa sicuramente bene, a partire da bambini ed anziani, e questo perché l’esposizione al sole libera la vitamina D insita nel nostro organismo; una vitamina fondamentale perché stimola l’accrescimento delle ossa”. È quanto spiega Maurizio Nudo, responsabile di Chirurgia dermatologica e laserterapia dell’Istituto Dermopatico dell’Immacolata -IRCCS (IDI), che invita a non dimenticare le cautele fondamentali per evitare spiacevoli conseguenze dell’esposizione al sole.

Come afferma l’esperto, il pericolo maggiore è rappresentato dalle scottature o ustioni solari che possono determinare la nascita di nuovi nei che, a loro volta, rischiano di evolversi in forme tumorali della pelle come il melanoma o altre forme a basso tasso di malignità ma comunque gravi come gli epiteliomi basocellulari e gli epiteliomi spinocellulari, localizzati spesso sul viso. Le ustioni solari, inoltre, possono avere l’effetto di trasformare in melanomi anche i nei già esistenti. Un rischio che riguarda anche i bambini: è importantissimo controllare loro i nei sin da quando sono molto piccoli. Sia pur rari, infatti, i tumori della pelle sono diagnosticati pure tra i più piccoli.

Per proteggersi dai rischi legati ad un’eccessiva esposizione la prima regola è quella di utilizzare filtri e creme solari.

Altro consiglio riguarda le ore migliori per esporsi: dalle 8 del mattino alle 11 e dalle 16 alla sera: “tra le 12 e le 15 infatti – spiega Nudo – i raggi solari arrivano in senso perpendicolare e creano più danni alla pelle”.

Inoltre, per i soggetti più sensibili, i cosiddetti ‘fototipo 1’, è bene indossare anche magliette bianche di cotone e cappellini dal momento che il rischio di scottature rimane alto nonostante la protezione con filtri o creme.

Fondamentale è poi bere molta acqua, perché “la giusta idratazione evita l’invecchiamento della pelle”. 

Infine per una bella abbronzatura (e non solo) importante è l’alimentazione: “Mangiare tanta frutta e verdura, soprattutto melone, pesche, ananas e kiwi; contengono infatti pigmenti che favoriscono la tintarella. Frutta e verdura sono pure ricchi di vitamina PP, importante perché ha una funzione anti-aging e di prevenzione dei tumori cutanei”, conclude l’esperto.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su