Da studiosi italiani la scoperta della ‘macchina dei sogni’

Sogni ricorrenti, incubi terrificanti, sogni che al mattino non si ricordano… Il nostro universo onirico è determinato dalla “macchina dei sogni” che adesso gli studiosi italiani hanno individuato.

Da uno studio condotto dai ricercatori della Sapienza, dell’Irccs Santa Lucia e delle università dell’Aquila e di Bologna, pubblicato sulla rivista Human Brain Mapping, è infatti emerso che a determinare l’intensità dell’attività onirica e la stravaganza  dei sogni sono il volume e l’intensità dell’amigdala e dell’ippocampo. Si tratta di due strutture cerebrali profonde che svolgono un ruolo cruciale nella regolazione delle emozioni e nella formazione della memoria durante lo stato vigile.

«Tutto è iniziato due anni fa – spiega il professor Luigi De Gennaro, dell’università La Sapienza, coordinatore dello studio – quando ci siamo chiesti se aspetti microstrutturali della nostra anatomia cerebrale possono spiegare perché alcuni di noi non ricordano affatto i sogni, mentre altri ne conservano un ricordo così dettagliato che potremmo chiamarlo quasi “filmico”. Allo stesso modo, tra coloro che ricordano con regolarità i sogni, alcuni presentano narrazioni di estrema incongruenza e bizzarria e/o elevata emozionalità, mentre altri sono in grado di riportare poco più che descrizioni assai povere di eventi e scene».

Tramite un innovativo strumento in grado di “fotografare” il cervello ad elevata risoluzione, i ricercatori hanno monitorato per 14 giorni l’attività onirica di 34 persone di età compresa tra  i 20 e i 70 anni ai quali è stato chiesto di annotare ogni mattina, al momento del risveglio, cioè che ricordavano dei propri sogni.

La ricerca ha quindi dimostrato che a un maggior “volume” della parte sinistra dell’amigdala corrisponde un sogno più breve e un punteggio più basso del carico emotivo. La stravaganza e la vivacità sono invece state collegate maggiormente ai “volumi” superiori dell’amigdala destra e, in piccola parte, anche alla dimensione dell’ippocampo.

Nel commentare i risultati dello studio, il professor De Gennaro ha però precisato che i dati emersi non indicano che solo gli aspetti strutturali del sistema nervoso spiegano le caratteristiche dei nostri sogni. “Abbiamo infatti già dimostrato – spiega De Gennaro –  che alcune condizioni specifiche, come il sonno profondo successivo a un lungo periodo di veglia, aboliscono quasi completamente il ricordo dei sogni”.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su