Social network: per l’Unione Europea non tutelano i minori

La maggioranza dei social network su internet non garantisce un’adeguata tutela ai minori da potenziali pericoli quali la pedofilia o il bullismo online. Sono soltanto due (Bebo e MySpace) i social network che prevedono che i profili siano accessibili solo alle persone che figurano su una lista approvata e sono solo quattro (MySpace, Netlog e SchuelerVZ) quelli che garantiscono ai minori di essere contattati solo dai loro amici.

Questi i dati emersi da una ricerca condotta per conto della Commissione europea che ha esaminato  14 siti: Arto, Bebo, Facebook, Giovani.it, Hyves, Myspace, Nasza-klaza.pl, Netlog, One.lt, Rate.ee, SchulerVZ, Irc Galleria, Tuenti e Zap.lu. La Commissione ha apprezzato il fatto che 12 dei siti in questione rendano impossibile trovare il profilo di un ragazzino attraverso i motori di ricerca come Yahoo e Google. La Commissione ha inoltre aggiunto che quest’anno saranno testati altri nove siti che hanno firmato un codice di autoregolamentazione.

Secondo le autorità europee, il numero dei minori che utilizzano Internet e si iscrivono ai social network sta crescendo (attualmente, è il 77 per cento del ragazzini tra i 13 e i 16 anni; il 38 per cento di quelli 9-12).

“Sono deluso dal fatto che il maggior numero dei social network non riesca a garantire che i profili dei minori siano accessibili soltanto dai contatti approvati per default”, ha affermato il vice-presidente della Commissione Ue, Neelie Kroes.
“Non si tratta solo di proteggere i minori da contatti non voluti – ha aggiunto Kroes – ma anche di proteggere la loro reputazione online: i giovani non comprendono appieno le conseguenze del rivelare troppo della loro vita personale on-line”.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su