Smog: a rischio la salute di metà della popolazione mondiale

Metà della popolazione è esposta a livelli di smog doppi del consentito. È allarmante il dato che emerge dall’ultimo rapporto dell’Organizzazione mondiale della sanità. L’indagine dell’Oms ha riguardato 1600 città in 91 Paesi. Dalla ricerca è emerso che soltanto il 12% dei residenti vive in aree dopo l’inquinamento atmosferico è sotto la soglia raccomandata.

Il report rivela poi che nei casi in cui la situazione attuale è confrontabile con quella di anni precedenti, si nota che l’inquinamento atmosferico sta peggiorando. L’aumento è dovuto a fattori differenti: la dipendenza dai combustibili fossili, la presenza di centrali elettriche a carbone, l’eccessivo utilizzo di veicoli a motore per il trasporto privato, un uso inefficiente dell’energia negli edifici e l’uso di biomasse per cucinare e riscaldarsi.
L’Oms ribadisce che l’inquinamento dell’aria rappresenta uno dei più grandi rischi per la salute in tutto il mondo: solo nel 2012 ha provocato la morte di circa 3,7 milioni di persone di età inferiore ai 60 anni.

Alte concentrazioni di smog e particolato fine sono associate ad un aumento del numero di decessi per malattie cardiache e ictus, oltre che per problemi respiratori e tumori.

“Possiamo vincere la lotta contro l’inquinamento atmosferico e ridurre il numero di persone affette da malattie respiratorie e cardiache, così come il cancro ai polmoni – ha spiegato Maria Neira, direttore dell’Oms per la Salute pubblica e l’ambiente -. Le politiche e le strategie efficaci sono ben chiare, ma devono essere attuate su scala sufficientemente ampia. Città come Copenhagen e Bogotà, per esempio, hanno migliorato la qualità dell’aria attraverso la promozione di trasporto attivo e la priorità di reti stradali dedicate al trasporto pubblico urbano, ai percorsi a piedi e in bicicletta”.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su