Smog: picco in anticipo in 24 città

Il picco di polveri sottili nell’aria quest’anno non ha aspettato l’inverno ma è arrivato con largo anticipo, prima in primavera e poi in autunno. Da gennaio a metà ottobre, infatti, ben 25 città hanno superato il limite di 35 giorni con una media giornaliera oltre i 50 microgrammi per metro cubo previsto per le polveri sottili. Di queste città ben 24 appartengono alle quattro regioni del nord: Piemonte, Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna.

A Milano in questi giorni è scattata l’emergenza con diversi giorni consecutivi di superamenti del PM10.
È quanto denuncia Legambiente nel report “L’emergenza smog e le azioni (poche) in campo”.

“Per fronteggiare l’emergenza cronica dello smog, che risente sempre più dei cambiamenti climatici”, ha dichiarato la presidente nazionale di Legambiente, Rossella Muroni, “servono interventi strutturali e azioni ad hoc sia a livello nazionale sia a livello locale e regionale”.

“Al nostro governo, ai presidenti di Regione, come a molti sindaci”, aggiunge Muroni, “chiediamo diabbandonare atteggiamenti lassisti e di fare diventare il tema della qualità dell’aria davvero una priorità, altrimenti continueremo a condannare i cittadini italiani a respirare aria inquinata”.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su