Smog: in aumento le patologie respiratorie

Dal 1985 ad oggi c’è stato un aumento molto significativo per quanto riguarda le patologie respiratorie. È quanto emerge da uno studio effettuato dall’Istituto di fisiologia clinica del Consiglio nazionale delle ricerche (Ifc-Cnr) di Pisa, che ha lavorato in stretta collaborazione tecnica con le università di Pisa e Verona e l’Istituto di Biomedicina e Immunologia Molecolare (Ibim-Cnr) di Palermo.

Dall’indagine effettuata su 3000 pazienti residenti nel comune di Pisa si è notato come sono elevati in maniera consistente i malati di asma, che sono aumentati dal 3.4% al 7.2%, i pazienti con disturbi di rinite allergica, che dal 16.2% sono saliti al 37.4%, i malati di broncopneumopatia cronica ostruttiva (Bpco), che consiste nell’ostruzione delle vie respiratorie non completamente reversibile, ha raggiunto addirittura il 6.8% contro il dato di partenza del 2.1%.

“L’incremento dell’impatto delle malattie respiratorie sulla popolazione indicato dai risultati suggerisce  – spiega la professoressa Sara Maio del Consiglio nazionale delle ricerche di Pisa – di prestare ancora maggior attenzione agli sviluppi e alle cause di disturbi così comuni, di pianificare indagini epidemiologiche longitudinali e ampliare le conoscenze sui fattori potenzialmente associati a tale aumento”.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su