Smog e parto prematuro: esiste un legame?

Per le donne che trascorrono la gravidanza in zone particolarmente colpite dall’inquinamento atmosferico il rischio di parto prematuro può aumentare fino al 30%. A pubblicarlo è uno studio californiano pubblicato sulla rivista Environmental Health.

I ricercatori dell’Università della California hanno condotto un vasto studio nella contea di Los Angeles, una delle metropoli più inquinate degli Stati Uniti. Gli studiosi hanno raccolto i dati relativi a 100 mila bambini nati tra il 2004 e il 2006 entro un raggio di otto chilometri dalle stazioni di monitoraggio della qualità dell’aria della metropoli statunitense ed hanno incrociato queste informazioni con i dati sullo smog rilevati dalle centraline.

Tra gli inquinanti più pericolosi vi sono gli idrocarburi policiclici aromatici prodotti dalla combustione dei derivati del petrolio, la cui inalazione sarebbe associata a un incremento del rischio di parto prematuro che può arrivare fino al 30%.  Sostanze tossiche come il benzene e le polveri sottili prodotte dagli scarichi dei diesel sono associate a un incremento del rischio pari al 10%, mentre le particelle di nitrato d’ammonio (che si formano come “inquinanti secondari”, a partire dalle reazioni chimiche che avvengono in atmosfera) lo aumentano del 21%. 

Le concentrazioni di queste sostanze si sono rivelate maggiori nel periodo invernale e minori nelle aree più vicine al mare.
Sebbene condotto su un campione molto vasto, lo studio è da prendere con le dovute cautele: gli stessi  ricercatori californiani che hanno condotto l’indagine sottolineano che alcuni fattori ne limitano i risultati, come il fatto che le donne esaminate fossero in larga parte immigrate e in condizioni disagiate e che non siano stati presi in considerazione altri fattori come l’abitudine al fumo o stili di vita non propriamente corretti.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su