Smog: quanto incide sulle malattie polmonari?

A causa dell’inquinamento le patologie dell’apparato respiratorio tendono ad acuirsi e peggiorano le malattie croniche come la BPCO Broncopneumopatia Cronico Ostruttiva  che colpisce bronchi e polmoni di tre milioni di italiani, la maggior parte anziani, fragili e affetti da malattie croniche concomitanti.

“A causa delle emissioni degli impianti di riscaldamento e quelli delle automobili, aumentano le concentrazioni di polveri sottili nell’aria che sono micidiali per i nostri pazienti”, spiega il professor Leonardo Fabbri, già Ordinario di Malattie dell’Apparato Respiratorio e di Medicina Interna dell’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia.

Il consiglio a tutti loro è quello di non frequentare spazi affollati a rischio di contagio infettivo e di non uscire di casa se non strettamente necessario e, se possibile, allontanarsi dai grandi centri trafficati in presenza di picchi di inquinamento. “Inutili gli altri rimedi, come l’uso delle mascherine: non recano, purtroppo, alcun beneficio”.

La BPCO colpisce nel mondo 329 milioni di persone e l’Organizzazione mondiale della Sanità stima che possa diventare entro il 2030 la terza causa di morte. Si tratta di una malattia che colpisce bronchi e polmoni, con conseguente riduzione della funzionalità respiratoria causata dall’ostruzione bronchiale. L’infiammazione cronica presente causa cambiamenti strutturali e un progressivo restringimento delle vie aeree.

All’origine della Broncopneumopatia Cronico Ostruttiva vi sono:
– fumo di tabacco,  ben nove pazienti su dieci sono fumatori o ex tabagisti
– alcol
–  esposizione professionale a sostanze irritanti (polveri, agenti chimici, fumi e vapori)
– inquinamento atmosferico e domestico
– invecchiamento della popolazione.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su