Smartphone prima di dormire: ecco perché fa male ai bambini

Gli schermi di smartphone e tablet disturbano il sonno e riducono le ore di riposo. A confermare gli effetti degli stimoli elettronici in particolare sui bambini è un nuovo studio condotto dall’università del Colorado-Boulder e pubblicato sulla rivista Pediatrics che definisce i livelli di stress e fissa le regole per evitare problemi.

Di 454 adolescenti presi in esame dalla ricerca il 60% va a letto con il cellulare e il 45% lo utilizza come sveglia. Supera invece il 90% la percentuale di bambini e ragazzi tra i 5 e i 17 anni, oggetto di studio che vanno a letto più tardi e che dormono poco e male.

Tre sono le principali cause secondo i ricercatori
1. I contenuti sono troppo stimolanti, soprattutto se si tratta di videogiochi
2. La luce e la lunghezza d’onda emanata dai dispositivi incide sui ritmi circadiani e sulla fisiologia del sonno, abbassando drasticamente il livello di melatonina del corpo (quello che ci suggerisce quando andare a dormire).
3. Il rimpicciolimento dello schermo dalla tv al cellulare permette a bambini e ragazzi di vedere di nascosto una puntata della propria serie preferita quando dovrebbero dormire.

Gli autori dello studio invitano dunque a rimuovere rutti i dispositivi elettronici dalla stanza dei bambini, inclusa la tv, e di stabilire delle regole. Gli studiosi sottolineano inoltre l’importanza di educare i bambini all’importanza del sonno di qualità.

Ecco quindi le 3 regole auree che i genitori dovrebbero seguire per il buon sonno dei più piccoli.
1. Limitare l’uso dei media prima di andare a letto
2. Spegnere tutti i dispositivi elettronici e spostarli fuori dalla stanza da letto
3. Sii un modello da seguire.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su