Slow medicine: la sobrietà incontra la medicina

Si chiama Slow Medicine ed è nuovo movimento fondato su un diverso approccio alla salute: meno farmaci e più dialogo. Si tratta di una rete fondata da 16 professionisti tra  medici, direttori sanitari, psicologi e psicoterapeuti. Il movimento sarà presentato il 29 giugno a Palazzo Estense (Ferrara).

Ad aprire i lavori sarà Carlo Petrini, l’inventore di Slow Food: l’associazione che promuove un cibo “buono, pulito e giusto” ha molto in comune con quella medicina “sobria, rispettosa e giusta” che Slow Medicine si propone di diffondere, dagli ambulatori ai grandi ospedali.
Più dialogo ed umanità, meno farmaci ed esami superflui: questi i pilastri della ‘medicina lenta’.

“Il cambiamento – spiega su Repubblica.it Giorgio Bert, docente di semeiotica medica, uno degli inventori del counselling in Italia – è iniziato negli anni Sessanta e Settanta, quando in pochi anni si sono fatti più progressi che nei cento anni precedenti, soprattutto nel campo della diagnostica. Sono arrivate la Tac, la risonanza magnetica, cose importantissime e bellissime, ma intanto l’aspettativa dei pazienti e l’azione dei medici hanno imboccato una strada diversa, che oggi ci mette di fronte a molti eccessi e a possibili errori radicali”.

“Ogni paziente ha diritto a essere ascoltato, qualunque cosa dica – sottolinea poi la psicologa e psicoterapeuta Silvana Quadrino – anche se è apparentemente assurda e antiscientifica. È questo che cerchiamo di insegnare in molti ospedali, a cominciare dall’inizio, e cioè dalla diagnostica prenatale: un conto è poter individuare e prevenire malattie e malformazioni gravi, un altro è vivere per l’intera gravidanza con l’ansia di cercare tutti i possibili problemi”.
“Sobrietà” inoltre vuol dire spese minori per il sistema pubblico, ma anche meno farmaci e meno profitti per le case farmaceutiche.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su