Sport, un aiuto contro la sindrome da intestino irritabile

Sindrome da intestino irritabile? Lo sport può alleviarne i sintomi. A dimostrarlo è una ricerca condotta dall’Università di Gothenburg, in Svezia.

Pubblicato sull’American Journal of Gastroenterology , lo studio ha coinvolto 102 adulti che sono stati suddivisi in due gruppi. I pazienti del primo gruppo sono stati seguiti da un fisioterapista per aumentare l’attività fisica, i soggetti del secondo gruppo sono stati invece invitati a mantenere il loro stile di vita.

L’osservazione ha dimostrato che l’attività fisica allevia i problemi gastrointestinali (crampi, gonfiore, costipazione, diarrea) e quindi dovrebbe essere utilizzata come una modalità di trattamento primaria nella sindrome dell’intestino irritabile.
Quest’ultima, il cui nome scientifico inglese è Irritable Bowel Syndrome (noto anche con l’abbreviazione I.B.S.), comprende un insieme di disturbi addominali concentrati a livello del basso intestino, nella zona del colon.

I sintomi più comuni sono dolore, sensazione di gonfiore addominale e irregolarità intestinale (stipsi, diarrea o stipsi e diarrea alternate). Tali fastidi spesso provocati da fattori di disagio come stress, ansia, alimentazione o abitudini di vita poco sane.
Ciò spiegherebbe perché, rispetto a 15 anni fa, le persone che oggi manifestano disturbi da intestino irritabile sono raddoppiate. Secondo le statistiche almeno una volta nella vita, oltre 1/3 della popolazione adulta presenta sintomi ricollegabili a questa sindrome.

Nella maggior parte dei casi, è stato riscontrato che i soggetti con intestino irritabile hanno un nemico comune: lo stress psicologico, accompagnato da stati di ansia e di agitazione. Gli eventi stressanti tendono infatti ad acuire i dolori gastrointestinali.

Tra i fattori che possono concorrere alla manifestazione della IBS alcuni sono legati a stili di vita e abitudini, altri ancora a particolari situazioni emotive, altri all’irritabilità verso sostanze contenute negli alimenti o nei farmaci (gli antibiotici, per esempio, possono alterare la flora batterica intestinale, presente proprio nel colon e costituita da migliaia di microrganismi che proteggono il nostro sistema immunitario e contribuiscono alla regolarità delle funzioni intestinali).

Tra le cattive abitudini alimentari rientrano alcuni errori molto comuni quali mangiare in fretta e in piedi. Ad influire sull’irritabilità dell’intestino sono anche l’eccesso nel consumo di grassi, un apporto di fibra insufficiente o non corretto e la scarsa assunzione di liquidi.
La strategia più efficace contro questi disturbi consiste quindi nel modificare lo stile di vita, praticando attività fisica e  correggendo soprattutto le abitudini alimentari.

È importante dunque non trasferire sul cibo le tensioni quotidiane, mantenersi in forma, consumare la prima colazione in casa e con calma, non appesantire i pasti principali (in particolare quello serale), suddividere le assunzioni quotidiane di cibo prevedendo l’introduzione di qualche spuntino e favorire la digestione con una masticazione lenta.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su