Sigarette: le vittime del fumo in Europa

Le sigarette uccidono gli uomini due volte più dell’alcol e il divario di genere nei tassi di mortalità arriva fino al 60% (mentre nel caso dell’alcol il dato è del 20-30%). A rivelarlo è uno studio inglese pubblicato sulla rivista Tobacco Control e condotto in 30 Stati europei.

Coordinati da Gerry McCartney del Social and Public Health Sciences Unit di Glasgow, i ricercatori hanno utilizzato i dati raccolti dall’Organizzazione mondiale della sanità sui tassi di mortalità maschili e femminili per tutte le cause, includendo tra questi anche i numeri sui decessi provocati da fumo e alcol.

Dallo studio è emerso che i tassi di mortalità, in genere, sono più alti per gli uomini che per le donne e che le percentuali dei decessi maschili variano considerevolmente tra i paesi studiati, da 188 ogni 100.000 uomini all’anno in Islanda ai 942 ogni 100.000 uomini in Ucraina. I Paesi con il più ampio divario tra uomini e donne sono risultati Belgio, Spagna, Francia, Finlandia, Portogallo e alcuni Paesi dell’Europa orientale.

I ricercatori si sono poi concentrati sui dati maschili. Per quanto concerne in particolare la mortalità per fumo – inclusi i tumori delle vie respiratorie, le malattie coronariche, l’ictus e la BPCO, broncopneumopatia cronico-ostruttiva – gli studiosi hanno rilevato che il Paese con il più basso tasso di decessi è risultato l’Islanda (97 decessi ogni 100.000 uomini), mentre quello con il dato più alto, pari a 5 volte tanto, è l’Ucraina (495 morti ogni 100.000). Confrontando i dati della mortalità maschile dovuta al fumo con quella femminile, è emerso che il divario va dal 40% al 60% in tutti i Paesi analizzati ad eccezione di Danimarca, Portogallo e Francia, nei quali è risultato inferiore, e Malta, dove è risultato molto più alto (74%).

Per quanto riguarda invece la mortalità dovuta all’abuso di alcol (inclusi il cancro a gola ed esofago e le malattie croniche del fegato ) è stata riscontrata una differenza di otto volte tra il paese con il più basso tasso di mortalità maschile attribuibile all’alcol – l’Islanda, con 29 morti ogni 100.000 uomini – e quello con il tasso più alto – la Lituania, con 253 decessi ogni 100.000 uomini.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su