Schema, struttura e processo dei sistemi viventi

I sistemi viventi sono dei sistemi organizzativamente chiusi, in quanto in essi l’ordine è stabilito dallo stesso sistema, ma sono aperti all’ambiente in quanto scambiano materia, energia e informazione. Lo schema della vita, come rete autopoietica (= produzione di sé), è quindi caratterizzato da una chiusura organizzativa del sistema, mentre la struttura di un sistema vivente è aperta al flusso di energia e materia.

Lo schema di organizzazione di un sistema vivente è codificato da fattori genetici ed epigenetici e modulato dall’ambiente e dalle esperienze di vita. In base allo schema viene codificata la struttura e il corrispondente programma metabolico-comportamentale con i suoi continui cambiamenti (strutturali di auto-rinnovamento e di sviluppo). La comprensione della struttura vivente è quindi sempre collegata alla comprensione di processi metabolici e di sviluppo per cui il pensiero sistemico include un cambiamento di prospettiva dalle strutture ai processi.

Nelle malattie croniche (processi patologici cronici evolutivi), l’alterazione della funzione di autoconservazione (FV) modifica lo schema di organizzazione del sistema, i processi hanno percorsi obbligati, evolutivi e destinati a compromettere più o meno gravemente il metabolismo, lo sviluppo e la struttura del sistema stesso.

Nei malattie croniche su base congenita lo schema è alterato già alla nascita e la compromissione del metabolismo e dello sviluppo della struttura può essere già presente o può instaurarsi in epoca successiva.
Gli aspetti più caratteristici nelle malattie croniche sono: la perdita di libertà e di capacità di adattamento del sistema, l’alterazione delle reti del sistema, un’alterazione di sincronia tra i vari processi che lo caratterizzano e un inevitabile aumento del consumo energetico.

Conclusioni
Nelle malattie croniche si modifica lo schema di organizzazione del sistema, il corrispondente programma metabolico-comportamentale e la struttura del sistema stesso.

Per ulteriori approfondimenti su questo argomento si rinvia al testo Multidisciplinarietà in Medicina

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su