Sanità: ecco il costo della corruzione

La corruzione nella sanità italiana sottrae fino a sei miliardi l’anno all’innovazione e alle cure ai pazienti. Negli ultimi cinque anni, in una azienda sanitaria su tre (37%) si sono verificati episodi di corruzione negli ultimi 5 anni “non affrontati in maniera appropriata”.

A rivelare la cifra è Transparency International Italia che, insieme a Censis, Ispe Sanità e Rissc, ha presentato i primi dati del progetto “Curiamo la corruzione” nell’ambito del quale è stata condotta un’indagine sulla percezione della corruzione.

“La sanità – ha affermato il presidente dell’Autorità nazionale anti corruzione, Raffaele Cantone – per l’enorme giro di affari che ha intorno e per il fatto che anche in tempi di crisi è un settore che non può essere sottovalutato, è il terreno di scorribanda da parte di delinquenti di ogni risma“.

“La sanità – continua Cantone – è il settore in cui il problema della corruzione è sempre stato alto, confermandosi ai primi posti per rischi corruttivi“.

“Contro la corruzione nella sanità – aggiunge Cantone – abbiamo messo in campo strumenti nuovi, abbiamo fatto delle linee guida ed individuato gli snodi su cui intervenire: primo fra tutti quello delle liste di attesa, ma anche gli ambiti legati alle aziende farmaceutiche e persino, ad esempio, la gestione delle sale mortuarie.

Sarebbe bello  che le liste d’attesa potessero essere trasparenti, ma ciò è molto difficile, perché ci sono in gioco i valori della privacy. Dobbiamo però intervenire e fatti come quello di Salerno (dove sono stati effettuati arresti per mazzette sulle liste di attesa) mi inquietano”. “Per questo nel “nostro piano anticorruzioneha sottolineato Cantone – abbiamo indicato le liste di attesa proprio come una delle maggiori criticità”. Bisogna,”creare nella sanità ‘anticorpi anticorruzione’, a partire dagli operatori”.

La corruzione record nella sanità in Italia, associata agli immensi sprechi che caratterizzano il settore, produce un danno diretto ai cittadini, perché toglie risorse al comparto e determina un peggioramento del servizio reso. È quanto afferma il Codacons, commentando i dati emersi dall’indagine realizzata da Transparency International Italia, Censis, Ispe-Sanita’ e Rissc.

“6 miliardi sottratti dalla corruzione alla sanità equivalgono a 100 euro annui di danno diretto per ogni singolo utente italiano, neonati compresi; soldi che vengono tolti alle prestazioni in favore dei pazienti e alle strutture sanitarie pubbliche – spiega il presidente Carlo Rienzi – La prova delle ripercussioni negative per l’utenza risiede nel costante peggioramento del servizio sanitario, che negli ultimi anni ha dovuto subire drastici tagli lineari, riduzioni di posti letto negli ospedali, e un incremento di casi di malasanità o assistenza al di sotto degli standard minimi”.

“E’ intollerabile e vergognoso – conclude Rienzi – che i cittadini siano costretti a finanziare attraverso le tasse la corruzione della sanità, ricevendo un servizio qualitativamente e quantitativamente inferiore”.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su