Sale: gli italiani ne consumano troppo

In Italia il consumo medio giornaliero di sale è pari a 10,9 grammi fra gli uomini e 8,6 fra le donne, contro una media raccomandata di 5 grammi al giorno, secondo le tabelle dell’Organizzazione mondiale della sanità. È quanto emerge dal progetto Minisal-Gircsi che ha coinvolto 1519 uomini e 1450 donne fra i 35 e i 79 anni di 15 regioni italiane.

Il progetto Minisal-Gircsi, parte del programma nazionale Guadagnare salute, è coordinato dal dipartimento di Medicina clinica e sperimentale della facoltà di Medicina e chirurgia dell’Università Federico II di Napoli, in collaborazione con l’Istituto superiore di sanità (Iss), l’Istituto nazionale di ricerca per gli alimenti e la nutrizione (Inran), l’Università Cattolica di Campobasso, la Fondazione per l’ipertensione arteriosa, la Clinica pediatrica dell’Università di Foggia e il Gircsi (Gruppo di lavoro intersocietario per la riduzione del consumo di sale in Italia). Gli esiti sono stati pubblicati dall’Istituto Superiore di Sanità. 

Gli esperti hanno concluso che solo una percentuale minima della popolazione rientra nei livelli raccomandati. Eppure il sale costituisce un potenziale nemico per la nostra salute in quanto provoca ritenzione idrica, ipertensione e invecchiamento precoce delle arterie.

Per questo motivo diversi Stati hanno avviato programmi di riduzione del consumo di sale, tra cui l’Italia, con un accordo tra il ministero della Salute e l’Associazione della panificazione artigianale e industriale per la riduzione del 15% in 4 anni del contenuto di sale nel pane.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su