Romania: bimbi legati ai letti in ospedale pediatrico

Bambini legati ai loro lettini con delle corde che fissano mani e piedi. I piccoli piangono, ma nessuno interviene. Sta facendo il giro del modo il drammatico video che mostra i maltrattamenti subiti dai bambini in un ospedale pediatrico rumeno.

“I nostri figli vengono trattati come vacche nelle stalle”, denuncia una madre. A diffondere la notizia è stata la tv rumena Realitatea che titola così: “Immagini scioccanti in un ospedale in Romania: bambini legati ai letti di cura”.

Nel video si vede un bambino bloccato al suo letto di ospedale Marius Anastasiu, della direzione della clinica, ha minacciato i giornalisti affinché non facessero trapelare le fonti raccolte. La portavoce dell’ospedale ha riferito che l’istituto ha aperto un’indagine sull’accaduto. 

“Hanno trattato così i bambini per anni”, afferma qualcuno. Gli addetti ai lavori hanno confermato di aver legato i bambini per evitare loro “di cadere dal letto o di sbattere contro il lettino”.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su