Quali sono i rischi se assumi troppi antidolorifici?

Se utilizzati troppo frequentemente per alleviare il dolore e le infiammazioni, gli antidolorifici possono far male al cuore causando scompensi cardiaci. È quanto emerge da uno studio internazionale coordinato dall’Università Bicocca di Milano pubblicato sul British Medical Journal che mette in guardia sull’uso di questi farmaci.

Ad essere sotto accusa sono gli antinfiammatori non steroidei come ibuprofene, naproxene, nimesulide utilizzati da milioni di italiani contro vari tipi di dolore: dal mal di testa, al mal di denti.

Secondo lo studio il rischio di problemi cardiovascolari e di ricoveri ospedalieri fino al 19% nei pazienti che assumono abitualmente farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS). La ricerca di tipo statistico ha coinvolto quasi 10 milioni di persone (età media di 77 anni) in quattro Paesi europei: Gran Bretagna, Olanda, Italia e Germania e sono stati osservati 92.163 ricoveri ospedalieri per scompenso cardiaco o insufficienza cardiaca.

Negli utilizzatori di un qualunque farmaco antinfiammatorio non steroideo in tempi recenti, cioè da meno di due settimane, è stato riscontrato un rischio di ricovero maggiorato del 19% rispetto a chi aveva utilizzato per l’ultima volta uno di questi farmaci più di 183 giorni prima.

In particolare il rischio è aumentato per 7 principi attivi tradizionali – diclofenac, ibuprofene, indometacina, ketorolac, naprossene, nimesulide e piroxicam – e due inibitori della COX-2, etoricoxib e rofecoxib. Il rischio, soprattutto per i princìpi tradizionali, è direttamente proporzionale al dosaggio, arrivando a risultare addirittura raddoppiato alle dosi più elevate sperimentate.

Gli esperti sottolineano che medici e pazienti dovrebbero tener conto del rischio cardiovascolare quando rispettivamente prescrivono e utilizzano analgesici.

“L’importanza dello studio – afferma Giovanni Corrao, professore di Statistica dell’Università Milano -Bicocca e primo firmatario dello studio – è che risultati simili sono stati verificati in tutta Europa e dunque questi rischi non dipendono dalle abitudini prescrittive o da comportamenti esterni, ma sono direttamente riferibili ai farmaci”.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su