‘La Riflessoterapia del Piede’, la prefazione del libro

Se mi si pone la domanda: “Perché questo libro? ”, esito a rispondere per paura di non poter fornire adeguatamente tutte le ragioni. Ma forse ne basterà qualcuna per il momento.

La prima, e penso la più urgente ragione, è il semplice ed evidente fatto che è venuto il momento di stabilire (o sarebbe meglio dire “ristabilire“) quegli elementi fondamentali esposti così chiaramente da mia zia Eunice Ingham nei suoi libri: Stories the Feet Can Tell Thru Reflexology (Le storie che i piedi possono raccontare con la Riflessologia). Questi libri, insieme all’insegnamento dei suoi seminari e alla sua ricerca, la stabiliscono chiaramente come fondatrice della Riflessologia del Piede così come è conosciuta oggi.

Per alcuni anni, questi libri sono rimasti i testi-base di riferimento della scienza della Riflessologia. Essi tracciano la storia del suo lavoro nello sforzo di far evolvere questo metodo così interessante per migliorare la nostra salute. Chiunque abbia letto questi due libri può rendersi conto di come Eunice Ingham abbia davvero apportato le dimensioni conoscitive e l’impeto necessari a far conseguire dei buoni risultati alla Riflessologia.

Leggendo oggi alcuni libri sull’argomento sento nascere in me la preoccupazione che in qualche punto, lungo il percorso, il metodo originale di Eunice Ingham sia stato contaminato da errori e sia andato un po’ fuori strada.

Questa affermazione è basta sulle mie osservazioni sul viaggiare in tutto il mondo e sulla lettura di tutte le informazioni disponibili sull’argomento; vi sono alcuni cosiddetti seguaci della Riflessologia, le cui affermazioni sono in qualche modo illegittime e il cui insegnamento manca di vera autorità. Mi sono preso la briga di esaminare alcune cosiddette scuola di Riflessologia, le quali non sono vere scuole né insegnano l’autentica Riflessologia!

Ho sempre condiviso il parere di mia zia che la Riflessologia è una scienza. Di cui non si conoscono tutte le risposte, è vero… ma pur tuttavia una scienza che non dovrebbe essere sfruttata al punto che si abbandoni la ragione per il mero profitto.

Tutto ciò mi ha indotto a scrivere questo libro, con lo scopo che sia il più completo e autorevole testo di consultazione disponibile sull’argomento.

Non è stato un compito facile. Ho passato molto tempo studiando manoscritti, corrispondenze, note originali a mia zia..; da questi è nata la seconda ragione dii questo libro.

Il mio secondo scopo nello scrivere questo libro è lo stesso delle mie lezioni di Riflessologia destinate a migliaia di studenti in centinaia di seminari… continuare a sviluppare la Riflessologia come scienza, condividendo la mia conoscenza della materia con chi ritenga seriamente che la Riflessologia abbia come obiettivo quello di aiutare i propri simili.

Questo era lo scopo principale di Eunice Ingham, così come rimane il mio oggi: aiutare l’umanità per quanto siamo capaci, ogni volta che sia possibile e dovunque ci troviamo. Questo obiettivo è stato parzialmente raggiunto grazie ai nostri numerosi seminari e alla distribuzione di bollettini dell’Istituto Internazionale di Riflessologia. Con la pubblicazione di questo libro ci è ancora possibile comunicare su scala ancora maggiore e ancor più in profondità.

Ma il messaggio rimane identico… La Riflessologia non è un bene in vendita; è piuttosto un modo di dedicarsi ad un unico scopo… portare aiuto e una migliore salute al nostro prossimo in modo naturale.

Se condividete questa dedizione e diventate Riflessologi, fate che questo sia il vostro obiettivo oggi, domani e per tutto il vostro avvenire.

Ma non dimenticate che la Riflessologia è in continua evoluzione. In questo libro non può esservi tutto, né in alcun altro libro. Il segreto per diventare Riflessologo di successo è di perseverare nello studio e nella pratica.

La pratica non basta a renderci perfetti, ma la perfetta pratica ci rende tali. Un costante aggiornamento è ciò che rende la pratica perfetta. E facendo progressi grazie al materiale presentato in questo libro, scoprirete la verità del mio proverbio preferito, “l’Esperienza è la Madre di Ogni Conoscenza”.

Leggi il libro ‘La riflessoterapia del piede’

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su