Reni, il mercato nero dei trapianti

Ogni anno nel mondo vengono fatti 10mila trapianti con reni acquistati al mercato nero. È allarmante il dato che emerge da un rapporto dell’Organizzazione mondiale della sanità.  Secondo l’Oms esiste un gruppo internazionale che si procura i reni pagandoli cifre che superano raramente i 4mila euro da donatori poveri (e clandestini) per poi rivenderli a prezzi altissimi. Cina, India, Pakistan risultano le mete principale di questi traffici.

“Il traffico illegale di organi era calato nel 2006-2007 – ha spiegato Luc Noel dell’Oms -, ma ora sta conoscendo una nuova esplosione”.
È soltanto di pochi giorni fa la notizia di un israeliano arrestato con l’accusa di aver messo in piedi un traffico clandestino di organi umani nel 2008, diretti alla clinica privata Medicus di Pristina in Kosovo.

Il 75% dei traffici illeciti riguarda il rene, organo molto richiesto per il grande numero di malati di diabete, ipertensione e disturbi cardiovascolari.

Secondo i dati dell’Organizzazione mondiale della sanità, nel 2010 si ha notizia di 106.879 organi trapiantati nei 95 Stati membri: di questi 73.179 (68,5%) erano reni. Un numero di interventi che, secondo l’organizzazione, soddisferebbe solo 10% della domanda mondiale. Uno su dieci di questi reni, in base alle cifre ufficiali, potrebbe essere stato procurato al mercato nero.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su