Propoli, l’antibatterico naturale a portata di mano

In commercio si trovano essenzialmente due diversi tipi di propoli: quella grezza ottenuta dal raschiamento delle superfici interne dell’arnia e quella in scaglie ottenuta da apposite griglie a piccole maglie collocate tra il nido e il tetto dell’arnia.

La prima si ricava dalla periodica pulizia delle arnie, e rappresenta quindi il risultato della normale attività delle api. La sua produzione è alquanto limitata (50-100g all’anno per arnia) e la qualità scarsa, contenendo numerose impurezze (es. parti di legno o api morte). Più che una vera e propria tecnica produttiva è quindi più il risultato del rinnovo dei componenti dell’arnia.

Per ottenere una produzione maggiore di propoli è necessario stimolare la naturale tendenza delle api a “propolizzare” tutte le fessure ritenute dannose per la perdita di calore o per il possibile ingresso di predatori. Il metodo più semplice e pratico è l’introduzione di speciali telai rivestiti da rete. In questo modo si possono raccogliere da 100 a 400g di propoli all’anno per arnia a seconda della forza della famiglia, della tendenza a “propolizzare” e dei tipo di vegetazione circostante.

La propoli è costituita da una miscela di composti di natura aromatica e fenolica arricchita da numerose sostanze molto diverse tra loro (acidi grassi, terpeni, aminoacidi, vitamine, sali minerali etc.) la cui percentuale è molto variabile in funzione delle stagioni e del tipo di vegetazione. Più essenzialmente, possiamo dire che è costituita da resine, balsami e cere.

È dotata di numerose proprietà terapeutiche:

Batteriostatiche e battericide
Fungicide, in particolare contro infezioni da Candida, saccaromiceti, tricofili, e microspora.
Antivirali nei confronti di alcuni tipi di herpes
Cicatrizzanti
Immunostimolanti
Vasoprotettive grazie all’azione dei flavonoidi che svolgono un’azione di prevenzione sulla permeabilità e fragilità capillare.
Antiossidanti e anti-irrancidenti

Oltre a queste, la propoli assunta per via interna migliorerebbe la secrezione dei succhi gastrici, la diuresi, l’assimilazione della vitamina C e funge anche da antisenile per l’effetto antiossidante e attivante dei complessi enzimatici.

Negli adulti è sempre consigliabile l’assunzione di propoli idroalcolica (con un grado alcolico tra i 40° e 70°) perché più efficace, specialmente nei casi di infiammazione delle prime vie aeree (quello che comunemente definiamo “mal di gola”). Nei bambini invece è preferibile usare la propoli glicolica (senza alcool). Si possono assumere fino a 20-25 gocce 2-3 volte al dì negli adulti, 10-15 gocce per i bambini; si possono mettere su un po’ di zucchero/miele o direttamente in gola, facendo attenzione a non toccare la pipetta con la bocca.

La propoli spray può essere apprezzabile per il suo contenuto in oli essenziali addizionati, ma viene a mancare tutta la componente cerosa (protettiva nei confronti delle mucose) separata precedentemente dalla soluzione per evitare l’ostruzione dello spray.

Una valida alternativa può essere costituita dal mix di miele, propoli e oli essenziali (es. menta, eucalipto), formando così uno sciroppo molto utile nei disturbi da raffreddamento delle prime vie respiratorie.[1]

Ottiene largo impiego anche per uso esterno come disinfettante, cicatrizzante e lenitivo, attraverso soluzioni, unguenti e pomate (ad es. in caso di herpes o afte).

Fino ad oggi non sono state rilevate significative controindicazioni, se non quella di prestare attenzione nella somministrazione a non farla andare sui denti, in quanto l’alta percentuale di cere e resine possono macchiare lo smalto.

Note
[1] Se questo risultasse troppo denso è possibile allungarlo a piacere con una soluzione di acqua e zucchero in quantità uguali.

Bibliografia
F.James, Propoli – L’antibiotico naturale (2003) Macroedizioni
http://www.apicolturabio.it/polline.html
http://www.apicoltura2000.it

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su