Pesticidi e resistenza dei batteri agli antibiotici: quale legame?

I pesticidi possono avere l’effetto di rendere i batteri resistenti agli antibiotici. È il caso di erbicidi comunemente utilizzati come Roundup, Kamba e 2,4-D. A sostenerlo è una ricerca guidata da un team dell’Università neozelandese di Canterbury  pubblicato dalla rivista dell’American Society of MicrobiologymBio. Come rileva lo studio, in fase di approvazione, gli erbicidi possono essere testati anche per la loro capacità di uccidere i batteri ma non sono mai testati per verificarne altri possibili effetti.

Per avere conferma dei risultati del loro studio, i ricercatori hanno fatto condurre lo stesso esperimento a un collega di un’altra Università neozelandese, quella di Massey, che ha seguito la medesima procedura, senza sapere quale sostanza specifica aggiungeva ai batteri, ottenendo gli stessi risultati.

Le concentrazioni di erbicidi utilizzate nello studio, che hanno mostrato la possibilità di indurre una resistenza di taluni batteri agli antibiotici, erano superiori a quelle massime ammesse come residuo nei cibi ma all’interno delle quantità consentite nella loro applicazione sui terreni.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su