I pesticidi causa di Parkinson e Alzheimer: la denuncia di Greenpeace

Tumori e malattie neurodegenerative quali il Parkinson e l’Alzheimer molto diffuse nelle famiglie che vivono nelle aree rurali potrebbero essere causate dai pesticidi. È quanto denuncia Greenpeace nel rapporto “Tossico come un pesticida. Gli effetti sulla salute delle sostanze chimiche usate in agricoltura”.

Esposizione a pesticidi e rischi per la salute umana

Il rapporto evidenzia come i pesticidi comportano molti rischi per la salute a partire dagli agricoltori e dalle persone che abitano in aree dove si pratica l’agricoltura intensiva, i più esposti ai rischi insieme a donne in gravidanze e bambini.

“La verifica della letteratura scientifica a oggi disponibile mostra chiaramente che l’esposizione ad alcuni pesticidi è associata a diverse forme di tumore, a malattie neurodegenerative come il Parkinson e l’Alzheimer e a malattie neonatali – spiega Greenpeace – Il rapporto è stato pubblicato dopo la recente decisione dell’OMS di riclassificare ilglifosato, l’erbicida più diffuso al mondo e ormai in uso da decenni, come “probabilmente cancerogeno”.

Un’agricoltura senza pesticidi

Greenpeace chiede alla Commissione europea e ai diversi governi di eliminare gradualmente l’uso di pesticidi sintetici in agricoltura e indirizzare i finanziamenti pubblici verso “la ricerca, lo sviluppo e l’applicazione di pratiche agricole ecologiche, così da abbandonare l’attuale dipendenza da pesticidi sintetici a favore di pratiche sostenibili basate sulla biodiversità per il controllo dei parassiti, e al tempo stesso migliorare la salute degli ecosistemi”.

“È vergognoso – afferma Federica Ferrario, responsabile campagna Agricoltura Sostenibile di Greenpeace Italia  – che le persone che producono il nostro cibo siano quelle più esposte e che soffrono maggiormente dell’enorme uso di pesticidi nei campi. Gli agricoltori e le loro famiglie pagano il prezzo più alto di questo fallimentare modello di agricoltura industriale. A fronte di rischi elevati, spesso scoperti con anni di ritardo, si contrappone la scelta di un’agricoltura sostenibile per la produzione di cibo sano in un ambiente sano”.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su